Giustizia è fatta

Summary case-law – S T U D I O

Casi più importanti seguiti dal nostro Studio e decisi in quest’ultimo periodo:

  • CONCESSIONARIA DI AUTO CONDANNATA

Sono diventate definitive le sentenze del Tribunale di Venezia e della Corte d’Appello di Venezia che hanno ritenuto imputabile alla Concessionaria di automobili, che si era servita di altro rivenditore successivamente fallito, la compravendita di un’autovettura acquistata dal nostro cliente. Nello specifico, i giudici hanno respinto le contestazioni svolte in causa dalla Concessionaria e  condannato la  stessa a rispondere contrattualmente della compravendita ed a risarcire i danni causati all’acquirente. In questo modo il nostro cliente ha evitato di dover pagare due volte il prezzo dell’auto precedentemente versato al rivenditore, in seguito divenuto insolvente. La Concessionaria dovrà anche rimborsargli le spese legali.

  • L’AZIENDA SANITARIA RISARCISCE SIA IL PAZIENTE PER L’ERRORE MEDICO CHE IL CONIUGE PER IL DANNO RIFLESSO

Il Tribunale di Venezia, dopo aver svolto una consulenza medico-legale, ha accertato la responsabilità dell’Ospedale e dei sanitari per aver negligentemente curato il paziente diabetico che aveva subito la parziale amputazione del piede. Sia il paziente che il coniuge, assistiti dal nostro Studio, sono stati risarciti: il primo per i danni biologici, patrimoniali e morali direttamente patiti e la seconda per il danno esistenziale riportato di riflesso per l’ invalidazione del proprio congiunto e la necessità di prestargli assistenza.

  • CANCELLAZIONE VOLO: risarcimento e modifica delle condizioni Ryanair 

Il Tribunale Irlandese del distretto di Swords ha condannato la compagnia aerea Ryanair a rifondere in favore di un nostro assistito le spese da quest’ultimo sostenute a causa della cancellazione improvvisa del suo volo da Venezia a Catania. Il giudice irlandese si è espresso nell’ambito di un Procedimento europeo per le controversie di modesta entità, istituito dal Regolamento (CE) n. 861/2007 ed intentato dal nostro Studio contro Ryanair. A conclusione del procedimento, la compagnia ha rimborsato il passeggero. Inoltre, l’art. 15.2 dei “Termini e Condizioni di contratto” è stato emendato, stabilendo all’art.15.2.3. che, a determinate condizioni, il passeggero che voglia inoltrare una richiesta di compensazione pecuniaria ai sensi del Regolamento (CE) 261/2004 può essere rappresentato da un terzo, come ad esempio l’avvocato (questione contestata nella vicenda). Questa modifica del Regolamento generale avrà valore per tutti i futuri giudizi e controversie.

  • FIDEJUSSORI LIBERATI DALLE RICHIESTE DELLA BANCA

Il Tribunale di Treviso ha accolto le richieste svolte dagli avvocati del nostro Studio per conto dei fidejussori di un’azienda nei confronti di un istituto di credito ai sensi dell’art. 1956 c.c., ritenendo che gli stessi non debbono rispondere dei debiti dell’azienda, inadempiente verso la Banca, in relazione all’ulteriore credito concesso dalla Banca all’azienda senza l’autorizzazione dei fidejussori. 

  • RICONOSCIUTO INDENNIZZO AL DANNEGGIATO DA VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE

Con sentenza del Tribunale del lavoro di Venezia confermata in via definitiva dalla Corte d’Appello di Venezia il Ministero della Salute è stato condannato a pagare l’indennizzo vitalizio al nostro assistito, che ha riportato la sindrome di Guillain-Barrè a seguito di vaccinazione antinfluenzale.