Giustizia è fatta!

lady_justice_teaser

 GIUSTIZIA E’ FATTA!

Summary case-law – S T U D I O

 In questi ultimi mesi, tra l’altro…

  • E’ stata promosso giudizio ex art. 702bis c.p.c. avanti il Tribunale di Busto Arsizio per richiedere il risarcimento danni (oltre € 400.000,00) da malpractice medica di un uomo che ha subito gravissimi danni alla persona a seguito dell’esecuzione di una coronarografia. Anche la moglie del danneggiato ha richiesto nel giudizio il risarcimento dei danni “riflessi” subiti a causa della macroinvalidazione del congiunto.
  •  Si è conclusa transattivamente, con il pagamento da parte della compagnia di assicurazione del risarcimento del danno, la controversia pendente tra una donna e una clinica dentaria avente ad oggetto i danni cagionati alla signora da incongrui/imperiti interventi (cura canalare con perforamento della radice del dente e riscontro della presenza nella gengiva di un frammento di strumento endodontico).
  • E’ divenuta definitiva una sentenza del Tribunale di Venezia di condanna del Ministero della Salute al risarcimento dei danni al marito e figli di una donna deceduta a causa di trasfusioni di sangue infetto. Liquidati complessivamente oltre € 900.000=.
  • Il Tribunale di Treviso, con sentenza divenuta definitiva, ha condannato il Fondo di Garanzia per le vittime della Strada al risarcimento dei danni patiti da un pedone investito mentre attraversava la strada sulle strisce pedonali da un’ “auto pirata” allontanatasi  dopo l’urto.
  • E’ stato raggiunto un accordo transattivo con la Compagnia di assicurazione del Comune di Carrara per il risarcimento dei danni patiti da una signora a seguito di una caduta causata da un marciapiede sconnesso.
  • Riconosciuto dal Tribunale di Venezia-sez. lavoro, il diritto a beneficiare dell’indennizzo una tantum ex art. 2, comma 3, l. 210/1992 ai congiunti di una donna deceduta, affetta in vita da epatite C di origine post-trasfusionale. L’indennizzo era stato negato ai congiunti in quanto non era stato riconosciuto in via amministrativa il nesso di causa tra il decesso della signora e la patologia post trasfusionale da cui era affetta.
  • E’ stato ottenuto il rimborso del biglietto, la compensazione pecuniaria ai sensi del Reg. (CE) n. 261/04 e il risarcimento dei danni per la cancellazione di un volo aereo.
 

Morte del neonato dopo il parto: accolte le richieste dei familiari

medical_malpractice

La Corte d’appello di Venezia, dopo un complesso iter processuale, ha accolto le richieste dei difensori delle parti civili, Avv.ti Renato Alberini, Massimo Dragone e Roberto Loffredo, ribaltando il verdetto di primo grado.

Il ginecologo è stato condannato al risarcimento dei danni a favore dei familiari del bambino unitamente all’azienda ospedaliera di Venezia.

La vicenda ha avuto particolare risonanza mediatica; alleghiamo i relativi articoli di stampa:

Il Gazzettino Morte del neonato paga il medico

La Nuova Venezia Neonato morto maxi sanzione per medico e Usl

Corriere del Veneto morto nel parto medico colpevole

 

Entrata in vigore della nuova legge sulla responsabilità medica

medical-malpractice-2

Dal 3 aprile 2017 è entrata in vigore la Legge sulla nuova responsabilità medica, che è consultabile al seguente link: LEGGE 8 marzo 2017, n. 24

 

Si tratta di una riforma del sistema di responsabilità medico-sanitaria in merito alla quale si ricorda il prossimo Convegno-incontro di studio che si terrà il 27 aprile 2017 (http://www.dragoneassociati.it/convegno-a-zelarino-riforma-della-responsabilita-medica-cosa-cambia-veramente/) al quale parteciperà quale relatore l’Avv. Massimo Dragone.