EQUA RIPARAZIONE: slittamento dei termini per il pagamento

Con disappunto il nostro Studio apprende che il Governo, non riuscendo a concludere l’iter dei pagamenti dell’equa riparazione e delle transazioni entro la data del 31.12.2017 stabilita dall’art. 27bis della legge 114/2014, sta valutando di prorogare il termine con apposita disposizione-emendamento da inserire nella emananda legge di bilancio.
Dalle attuali informazioni pare che tale proroga sarebbe al 31.12.2018, ma la certezza si avrà solo con la votazione finale della legge di bilancio.
In attesa di conoscere le definitive determinazioni del Governo, lo Studio esprime la propria indignazione per questo eventuale ennesimo dilatamento dei tempi da parte del Governo e del Ministero della Salute, che giunge nonostante il monito della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo intervenuta con varie sentenze tra cui la pronuncia del 14 gennaio 2016 (http://www.dragoneassociati.it/…/…/01/RIASSUNTO_SENTENZA.pdf).
Qualora si verificasse questo slittamento dei tempi di pagamento, lo Studio valuterà con la propria clientela le più opportune azioni in sede nazionale e sovranazionale per la tutela dei diritti dei propri assistiti.